Pellegrinaggi

Pellegrinaggio giubilare 2016

Fraternità spirituale in cammino a Roma
Una preghiera fatta coi piedi e con gli occhi

IMG_2239
Con queste poche righe, vorrei condividere alcune emozioni vissute durante queste intense giornate. Mi concentrerò soprattutto sulle sensazioni che ho provato, tralasciando la descrizione di tante cose che abbiamo visto, e che suor Agnese ci ha descritto molto bene facendoci rivivere le fatiche delle prime comunità di cristiani che lì hanno visto anche tanti martiri a partire da san Paolo e san Pietro.
Innanzitutto vorrei sottolineare l’importanza che hanno avuto i giorni precedenti, dove, su suggerimento di suor Agnese, mi sono fermato a riflettere e ricercare i motivi per cui partecipavo, in particolar modo su qualche difficoltà da superare o qualche situazione particolarmente pesante.
Dopo essere arrivati, la prima emozione è stata la posizione del nostro alloggio, praticamente a ridosso del colonnato di piazza san Pietro, questo luogo così privilegiato, mi ha subito messo di buon umore, nonostante il disagio del dormire in terra in un camerone comune; lo sapevo, ma il trovarmi davanti alla realtà è stata un’altra cosa.
Leggi tutto...

Manoppello 2015

Peregrinatio alla ricerca del Volto
Il Volto nei volti

peregrinatio
“Ma chi me l’ha fatto fare di riprendere, dopo tre/quattro anni, il mio cammino di fede con un pellegrinaggio?” Mi sono posta questa domanda durante i primi due giorni di cammino, rimproverandomi continuamente di essere stata troppo frettolosa nell’aver risposto positivamente all’invito di sr Agnese.
Io, però, sono fatta così: se ho un obiettivo, non mollo. E così è stato. Dal terzo giorno in poi, non vedevo l’ora di arrivare in fondo, di raggiungere la meta, di vedere il Volto Santo che, manifestandosi nei volti dei miei fantastici compagni di viaggio, mi ha donato la forza fisica e spirituale necessaria per portare a termine una delle esperienze più significative della mia vita: il pellegrinaggio verso Manoppello.
Ora la domanda che mi porgo è: “a quando la prossima peregrinatio?!”

Federica
Leggi tutto...

Pellegrinaggio all'alba del 21 novembre 2014

Predica della celebrazione della Messa ore 5.30
Siate perfetti

santuario_sante_Bartolomea_Vincenza
182 anni fa tutta l’opera scaturita da Bartolomea e Vincenza iniziava in maniera semplice e solenne da qui: era un’opera volta – in quell'"ecclesiologia implicita” diffusasi nell’Ottocento che voleva dare una risposta concreta a problemi non nuovi, ma emergenti in quel momento – a ridare dignità ai giovani, alle loro prospettive, ai loro più profondi desideri, a soccorrere le ferite dell’umanità povera e malata. Un’opera sociale, quindi, ma che è voluta partire non da un tavolo di lavoro, bensì da un altare, da una Celebrazione Eucaristica. In ogni azione liturgica, sommamente nella S. Messa, noi siamo di fronte e veniamo resi partecipi della perfezione dell’amore, che si è compiuto in Gesù Cristo innalzato sulla croce, morto e risorto per la nostra salvezza. E la salvezza altro non è che condivisione di quella perfezione propria della Trinità. Lo dice Dio, nell’Antico Testamento: «Siate santi, perché io, il Signore vostro Dio, sono santo» (Lv 19, 2); lo dice il Figlio incarnato, Gesù Cristo: «Siate perfetti, come perfetto è il Padre vostro celeste» (Mt 5, 48). Leggi tutto...

Pellegrinaggio Sante 2012

Pellegrinaggio del 21 novembre 2012
Fede è... accettare di camminare un poco nel buio

"21 novembre 1832.
Sul far del giorno Bartolomea Capitanio diede per sempre addio alla sua casa, salutò la madre e la sorella e si diresse in fretta alla chiesa parrocchiale.
L’attendevano in chiesa l’amica Caterina, il confessore don Bosio e il prevosto don Barboglio.
Si recarono all’altare dell’Addolorata per la celebrazione della santa Messa."


E' il terzo anno che vivo questa particolare e intensa esperienza del pellegrinaggio mattutino del 21 novembre (da Cascina Mariet a Lovere) e sempre il cuore mi si riempie di gratitudine e riconoscenza per questo cammino che ha segnato la mia giovinezza e tuttora mi fa crescere nella fede vera.
Leggi tutto...

Pellegrinaggio in Terrasanta 2012

Viaggio nel Vangelo 2012
Stralci dal diario di viaggio dei pellegrini di Terrasanta...



Nazareth

Il giorno in cui abbiamo visitato Nazareth, noi pellegrini siamo entrati nella splendida basilica dedicata alla Madonna: è eretta attorno ai resti della casa dove ha vissuto, dove ha detto il "Sì" all'angelo Gabriele che la invitava a ospitare Dio nel suo grembo. I resti della casa sono delle mura che formano una circonferenza. Si vede l'ingresso e una scala che sale. Sempre dentro, è stato eretto un altare. La casa può essere contemplata da dietro un cancello protettivo. Leggi tutto...

Viaggio nel Vangelo 2

Altre testimonianze del pellegrinaggio 2009 di Sara, Lisa e Pamela
Terra Santa

La scorsa estate abbiamo avuto la grazia di vivere, insieme ad una ventina di giovani, un pellegrinaggio di 10 giorni in Terra Santa, la terra in cui Dio ha scelto di farsi vicino a noi per mezzo del suo figlio Gesù.
È stato un pellegrinaggio un po' diverso dai comuni viaggi perché è stato caratterizzato dall’essenzialità. I nostri spostamenti avvenivano quasi tutti a piedi, con zaino in spalla del peso massimo di 7 kg, pranzi non garantiti (ma la provvidenza non ci ha mai lasciato a bocca asciutta!!), alloggi accoglienti in comunità di religiosi ma altri anche sotto le stelle.
Abbiamo visitato i luoghi più significativi della vita di Gesù. In ciascuno arrivavamo meditando in silenzio, cantando, pregando; sostavamo con il Vangelo attinente al luogo, ascoltando la lectio della nostra guida e soprattutto ascoltando cosa Dio aveva da dire alla nostra vita. Ogni giorno poi ci riservavamo almeno uno spazio per condividere insieme le risonanze della giornata trascorsa.
Ci sarebbero moltissime cose da dire ma, nell'impossibilità di essere esaustive, preferiamo scrivere solo qualche aspetto che recupera il vissuto in un particolare luogo, quello che portiamo in cuore con maggior cura e tenerezza.
Leggi tutto...

Viaggio nel Vangelo

Testimonianza del pellegrinaggio in Terra Santa dell'agosto 2009
Una fede che si incarna

“Ecco la attirerò a me e parlerò al suo cuore…”
Cercando il modo per iniziare questa breve testimonianza mi è venuta alla mente questa frase del profeta Osea.
Da tempo Dio cerca di attirarmi a Lui con il suo modo discreto ma determinato.
Da tempo la mia libertà di figlio risponde talvolta con dei sì, talvolta con dei no.
Ma se, ora, mi volto indietro capisco che tutti i sì detti a Dio mi hanno condotto sulla strada nella ricerca di Chi sono io e Come mi vuole Dio...
Leggi tutto...